Benvenuti!

Benvenuti! Qui troverete Libri e Film, con Trama (un po'), Recensione e Trailer

lunedì 13 giugno 2011

- X Files: Voglio crederci


Genere: Thriller, Fantascienza

Produzione canadese - Anno 2008
Regia: Chris Carter
Sceneggiatura: Chris Carter e Frank Spotnitz
Scenografia: Tony Wohlgemuth e Mark S. Freeborn
Musiche: Mark Snow e Jamison Young

Attori: Gillian Anderson (Dottoressa Dana Scully), David Duchovny (investigatore Fox Mulder), Amanda Peet (agente speciale Dakota Whitney), Billy Connolly (Padre Joseph Crissman ex prete pedofilo).

Introduzione
Sono stata una fan della serie televisiva X-Files.
Dell'investigatore Fox Mulder e della dottoressa Dana Scully avevo imparato a conoscere la determinazione, l'audacia e gli inevitabili scontri d'idee. Quasi sempre insieme, a dipanare gli intricati casi assegnati loro dall'FBI.
Due personalità diverse che si compensano a vicenda. L'uno più portato a propendere per tesi che esulano dalla normale realtà, l'altra, sempre fortemente decisa a farsi guidare dalla razionalità, da tutto quello che si può spiegare con la ragione.
I telefilm ormai non ci sono più, ma per gli appassionati del genere questa pellicola è davvero imperdibile, quale occasione migliore per rituffarsi ancora in quelle particolari atmosfere dense d'intricato mistero?

Trama, Recensione e Trailer
- West Virginia, Somerset
Il paesaggio è interamente coperto di neve.
Unica nota di colore, alti alberi che si stagliano come una cortina buia e minacciosa verso il cielo plumbeo e più in là, macchie scure che si muovono lentamente, rivelando sempre più sagome distinte, inconfondibili divise dell'FBI.
Uomini, una lunga linea di uomini, un nastro umano, procede occupando una vasta area di quella zona fuori città, cani al guinzaglio scalpitano irrequieti.
Lunghi bastoni affondano tastando la superficiale profondità di quella spessa coltre bianca.
Davanti a tutti uno strano personaggio, cappotto, occhiali, capelli lunghi e scarmigliati, sguardo allucinato.
Arranca nella neve, dirigendosi verso una direzione indefinita.
Si tratta di un ex prete pedofilo, che in giovane età, per dominare i suoi malsani istinti, ha imboccato la scelta di una radicale castrazione.
Purtroppo, di cose indicibili ne aveva già combinate tante, più di trentacinque chierichetti non erano sfuggiti alle sue inopportune avances!
Ormai è un uomo abbastanza avanti con gli anni, un tipo ambiguo a dir la verità.
Dice di chiedere il perdono del Signore, paventa poteri soprannaturali acquisiti al fine di espiare le sue colpe.
Un sensitivo, ecco cosa dice di essere.
Strano a dirsi, ma gli agenti dell'FBI seguono proprio lui in questa insolita ricerca a tappeto!
Una loro collega, Monica Banan, non dà notizie di sé da un po' di tempo, sembra essersi volatilizzata nel nulla e le precedenti indagini sono state senza esito.
Poi è venuto fuori questo strano individuo che dice di avere visioni di un posto in cui sarebbero successi dei fatti violenti.
Quando non si sa a cosa appigliarsi tutte le ipotesi diventano plausibili.
Ed ora sono qui, forse a due passi dalla verità?
Purtroppo da lì a poco qualcosa viene davvero rinvenuto sotto uno strato di manto nevoso, macabri resti, un solo, singolo braccio umano, ma non è quello della vittima.
Il mistero è più fitto che mai e non sapendo che pesci pigliare e come destreggiarsi con le ostiche rivelazioni di questo Padre Joseph, l'agente speciale federale Dakota Whitney, pensa bene di giocarsi l'ultima carta e di richiamare dall'oblio il famoso agente Mulder. Veramente quest'ultimo è da parecchio un ex. Da tempo vive barricato in casa, per evitare d'incappare in inevitabili condanne. I tempi delle adrenaliniche investigazioni ai limiti della realtà sono solo un ricordo, poiché l'FBI ha da anni chiuso il settore X-Files.
Rimane perciò stupito Mulder quando una determinata dottoressa Dana Scully gli recapita un messaggio delle "alte sfere", che intendono ingaggiarlo per un nuovo caso.
Dopo alcune reticenze, si ritrova così a sondare ancora le piste del paranormale, seguita da una sempre più razionale e disincantata Scully.
Lei è molto scettica sulle rivelazioni del presunto sensitivo.
Sarà così? E' un millantatore e ci sta dentro fino al collo o al contrario le sue visioni sono veritiere?
Intanto gli eventi incalzano, i ritrovamenti si moltiplicano, nuove piste si aprono all'orizzonte, ma il mistero si fa sempre più fitto.
Avranno un bel da fare Mulder e Scully per cercare di dipanare una verità dai contorni macabri e irreali.
Tra candide distese desolate, paesaggi e strade dall'aspetto spettrale. Rischiarati dal riverbero sinistro di una fredda coltre di neve, che ovattata ricopre ogni cosa, nascondendo orme, segreti, fatti inquietanti.
Il normale e il paranormale si fondono suscitando inevitabili domande.
Bisogna crederci, oppure no?
Riusciranno i due protagonisti a venirne a capo?

- Il regista è proprio lui, Chris Carter, l'ideatore e direttore artistico della famosa serie televisiva X-Files.
Visto il successo mondiale delle suddette edizioni dedicate al piccolo schermo, le attese per l'uscita di questa seconda creazione cinematografica avevano messo da tempo in fibrillazione il pubblico appassionato del settore, fiducioso del fatto che sarebbe stato di sicuro un successo.
La segretezza poi, fortemente voluta dal regista, aveva fatto trapelare ben poco della sceneggiatura, rafforzando ancor più la curiosità.
Alieni? Creature sconosciute? Chi avrebbe solcato quei luoghi di "celluloide", quale sarebbe stato il nuovo mistero da dipanare?
Forse però le intenzioni di Carter, andavano in tutt'altra direzione.
Sia chiaro, non sarò io a svelarvi se gli alieni siano o meno tra i protagonisti, vi toglierei tutto il piacere della scoperta.
Diciamo che possono esserci oppure no e che a prescindere da questo, la trama si sviluppa maggiormente su problematiche molto terrene, se pur intrecciate alla linea più astratta del paranormale.
Nel film troviamo temi scottanti come quelli della pedofilia, del commercio di organi umani, della sempre accesa diatriba tra etica religiosa e uso di cellule staminali, e poi omosessualità, malattie incurabili e lotta quotidiana per la sopravvivenza.
Il tutto inserito in un contesto filmico soffuso di strane rivelazioni, di sensitività e fatti inspiegabili con la sola ragione, che indirizzano decisamente su piani più astratti.
Il cineasta Carter però, forte delle esperienze passate, sa che in questi casi, lasciare molto all'immaginazione è la scelta migliore. Non approfondisce mai eccessivamente l'argomento del paranormale, eppure rimane ugualmente lì, onnipresente, a impregnare le scene d'inquietudine e domande.
"X-Files: Voglio Crederci", il titolo in fondo già la dice lunga e la frase che segue, apposta in bella vista sulla locandina, rafforza ancor più questa convinzione: 
Per scoprire la verità, devi crederci.
Come dire, tutto può essere, tutto può accadere. Nel film naturalmente.
Invece di cose tanto eclatanti non se ne vedono granché.
Dopo un inizio che sembra aprire la strada a una trama piena di ritmo e dagli sviluppi densi di suspense, tutto si appiana su una vicenda ricca di sfaccettature e potenzialità interessanti, ma molto lontana da quelle calamitanti creazioni del passato.
Lo stile filmico qui è abbastanza diverso, le scelte narrative paiono volersi allontanare da quella linea percorsa in tanti anni di programmazione televisiva.
Le atmosfere cupe, particolari, quelle sì, ci sono ancora, fin troppo plumbee e opprimenti a dir la verità, tanto da trasmettere in molte scene, una sottile sensazione di angoscia.
La scenografia è di grande impatto visivo.
Una location di sicuro effetto, dominata in gran parte, dal bianco abbagliante della neve in contrasto con il nero della notte.
La telecamera mostra ampie vedute di paesaggi desolati, totalmente ammantati di coltre candida, si addentra su strade delimitare da alte muraglie nevose, spazia su macchie scure di alberi in lontananza, su casolari coperti di fosche ombre notturne, su interni, custodi d'indicibili segreti, su occhi pieni d'incredulità e terrore, su particolari che lo spettatore può solo vedere a metà.
I personaggi sono anch'essi il punto forte del film.
Oltre ai già conosciuti Mulder (David Duchovny) e Scully (Gillian Anderson), gli stessi attori della serie televisiva, c'è questo ex prete pedofilo, Padre Joe, è lui il lato più inquietante di tale pellicola, la vera novità portante del film.
Pur non avendo un ruolo di primissimo piano, lascia un'impronta di sé molto forte.
Ha il potere di suscitare sgomento, inquietudine, ma anche sottile incredulità e ribrezzo per quel suo innominabile passato, che solo lui conosce appieno, in tutte le abominevoli sfaccettature.
La sua mente è il luogo misterioso di quel trascorso di depravazione, ma anche di un presente popolato da flash d'immagini extrasensoriali.
Nessuno può sapere cosa veramente gli frulli nei pensieri, se il paranormale e associati sintomi di sofferenza fisica, siano davvero una forma di somatizzazione dei suoi sensi di colpa, o al contrario, solo semplice furbizia, espressione di una onnipresente, maniacale pazzia.
Bravissimo Billy Connolly, che dà a questo personaggio la giusta ambiguità e un'aura enigmatica e sofferta. Solo lui vale tutto il film.
Per il resto niente di nuovo. Tensione "tiepidina", ritmo narrativo che si fa sempre più lento col procedere dei minuti. Ad ogni modo, molte scene riescono a essere davvero coinvolgenti, proprio perché mostrano e non mostrano, celando così alla vista particolari potenzialmente raccapriccianti che lo spettatore può solo immaginare o temere che vengano svelati da un momento all'altro.
Buona la colonna sonora, peccato che le note di quella famosa musica di X-Files, siano relegate solo alla sigla di apertura e chiusura del film.
Nel complesso una pellicola passabile, anche se Chris Carter, visti i precedenti, poteva fare di meglio.
In America non ha avuto il successo sperato, idem in Italia.
Dobbiamo propendere per un addio definitivo al filone X-Files?
Neanche per sogno, l'inossidabile Carter continua imperterrito su questa strada e pare abbia già in cantiere le idee per realizzare un ennesimo film, stavolta scomodando i Maya e la famosa profezia del 2012.
Le premesse per farne un appassionante sequel ci sono, staremo a vedere.
Consiglio la visione di "X-Files: Voglio Crederci" agli appassionati del genere fantascienza, o anche thriller, poiché in fondo, più di questo si tratta.
- Durata: 104 minuti

12 commenti:

  1. Un'altra ineffabile tua recensione!

    RispondiElimina
  2. Ecco che arrivo io fuori dal mondo...non ho mai visto X-Files,o meglio ho provato a guardarlo,ma proprio non mi piaceva...eppure la tua recensione è così bella :)
    Un saluto

    RispondiElimina
  3. Eccomi di ritorno, ora riprenderò a passare per vedere le tue sempre belle novità.
    Buona serata cara Tizyana.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Sai Tizyana, anch'io ero un appassionata di X Files, ha segnato un epoca,specie per chi come me ama la fantascienza, ma il film lo perso, la tua perfetta recensione mi consiglia di vederlo con occhi curiosi da amante del Tf, senza altre aspetattive, e cosi farò quando riuscirò a trovarlo. Bravissima. Miaooooooo

    RispondiElimina
  5. Mi piaceva la serie,questo film l'ho visto e lo trovato alquanto bruttino,insomma mi ha deluso,chiaramente è sempre una questione di gusti personali.

    Ciao Tizyana,buona serata!

    RispondiElimina
  6. Ciao Tiziana bentornata, grazie per questa recensione, mi sono sempre piaciuti questi film, anche per gli interpreti,bacioni a presto rosa buon martedi'.)

    RispondiElimina
  7. Ciao Tizyana. Film che anch'io ho cercato di vedere ma non ci sono mai riuscita. Però la tua recensione è molto invitante.

    RispondiElimina
  8. Questo film deve essere un vero capolavoro! Ho visto il trailer e mi ha impressionato...
    Ciao Tyziana e grazie per la recensione.

    RispondiElimina
  9. ciao Tyziana
    scusa l'assenza
    ti sono stata troppo lontana e vedo che ho un bel po' da recuperare... in primis questa recensione... l'ho visto anche io questo film a suo tempo e l'ho anche rivisto da brava seguace della serie X-files

    ^___________^

    RispondiElimina
  10. Ciao Sono Stefania,
    scusami se ti scrivo qui ma volevo avvisarti che per motivi che non dipendono dalla mia volontà, ma da un codice malevolo, ho dovuto spostare "mondo di fragola" su http//nelmaremeraviglioso.blogspot.com.
    lo trovi anche nel mio profilo.
    Spero che continuerai a seguirmi. Purtroppo ho subito una manomissione e il blog non è più riparabile! Grazie comunque per avermi sostenuto sino ad oggi. By Stefy

    Ps. Di X-files ero innamorata!!! ho seguito tutta la serie e la notizia che ci dai è sensazionale! A presto!

    RispondiElimina
  11. ciaoooooo
    ancora in vacanza?
    aspetto che ritorni....

    ^______^

    RispondiElimina

Guadagna online

beruby.com - Guadagna acquistando online