Benvenuti!

Benvenuti! Qui troverete Libri e Film, con Trama (un po'), Recensione e Trailer

domenica 26 dicembre 2010

- Ufficiale e Gentiluomo


Genere: Drammatico, Sentimentale

Titolo originale: An Officer And a Gentleman
Produzione statunitense - Anno 1982
Regia: Taylor Hackford
Soggetto e Sceneggiatura: Douglas Day Stewart
Scenografia: Philip Jefferies
Musiche: Jack Nitzsche, Mark Knopfler, Buffy Sainte-Marie, Will Jennings , ZZ Top, Van Morrison

Attori e Personaggi: Richard Gere (Zack Mayo), Debra Winger (Paula Pokrifki), Louis Gossett Jr (Foley), David Keith (Sid Worley), Lisa Blount (Lynette Pomeroy) , David Caruso, Harold Sylvester, Robert Loggia

Trama, Recensione, Video
La trama si svolge principalmente in un campo di addestramento, dove Zack Mayo si ritrova a svolgere un duro corso di tredici settimane per diventare pilota della marina, scelta che inizialmente non è stata sua ma conseguenza di un regalo del padre. Dono insolito, probabilmente motivato dal fatto che il genitore è stato un marinaio, anche un po' scapestrato e sogna per il figlio la carriera prestigiosa che lui non è riuscito a fare.
Al campo le cose non sono rose e fiori e Zack, dal carattere introverso e un po' difficile, mal sopporta i metodi duri ed eccessivamente autoritari di Foley, il sergente che ha il compito di addestrare le nuove reclute. Lo scontro è inevitabile e la situazione non certo facile.
Il problema è sentito anche dagli altri giovani partecipanti al corso e un malessere generale serpeggia all'interno del gruppo, causando nervosismo e tensione.
Anche per questo motivo, nelle ore di libera uscita, tutti colgono al volo l'opportunità di divertirsi, riversandosi nel vicino centro abitato a caccia di donne da conquistare.
Anche per Zack è così, specie da quando ha fatto amicizia con Sid Worley, un giovane di buona famiglia che frequenta la sua stessa scuola di addestramento.
E' in una di queste uscite che conoscono due avvenenti ragazze, Paula Pokrifki e Lynette Pomeroy. Da questo momento però cominciano i guai, perchè i due giovani inizialmente ignorano la risaputa poca affidabilità delle donne del posto, che a detta di molti, sono solo scaltre bugiarde, in cerca di piloti della marina da sposare, a qualsiasi costo!
Quel che segue è un susseguirsi di situazioni difficili e pericolose, con una buona dose di romanticismo che aiuta a rendere il tutto ancor più speciale.

- Nonostante l'anno di produzione non proprio recente, resta ancora un piccolo capolavoro cinematografico, sia per la presenza d’attori del calibro di Richard Gere, Debra Winger, Louis Gossett Jr e David Keith, che per la trama intensa e coinvolgente. Merito anche di una vicenda che racchiude situazioni dense di drammaticità, ma anche di romanticismo e passione. In poche parole, c’è il dramma e c’è la favola. Due generi contrapposti, che in fondo, rendono poi maggiormente credibile l’insieme. Perché la vita vera, purtroppo, non è mai paragonabile a un castello incantato e perfetto, da dove il principe azzurro delle fiabe arriva con un cavallo bianco per salvare la sua principessa. Anche in un film tutto ciò non sarebbe credibile!
In Ufficiale Gentiluomo spetta al fascinoso e dolce Zack, in arte Richard Gere, rappresentare l’ambita figura fiabesca che tutte le donne in fondo sognano e se tutto ciò non risulta troppo mieloso e fantasioso, è proprio perché integrato alla perfezione in una vicenda in cui il dolore e la sofferenza non mancano, si miscelano a meraviglia con i sentimenti, con la perseveranza e voglia di un futuro migliore.
Grande merito al regista Taylor Hackford, ma soprattutto al grande Gere, qui in ottima forma e fascino alle stelle.
Da notare anche la bravura del “cattivone” di turno, il severo sergente Foley, interpretato alla grande da Louis Gossett Jr. Non per nulla la sua performance recitativa gli ha fatto guadagnare un Oscar come miglior attore non protagonista.
Completano il quadro, una giovanissima e brava Debra Winger e un indimenticabile e intenso David Keith. Della Colonna Sonora poi non ne vogliamo parlare? In questo caso è composta da musiche e canzoni che riescono davvero a dare un tocco in più alle scene. Un altro Oscar il film lo ha guadagnato proprio per uno di questi brani, “Up Where We Belong”, cantata nientemeno che da Joe Kocker e Jennifer Warnes.
Naturalmente consiglio la visione di questo film. Bellezza, romanticismo e drammaticità, in un mix d'emozioni senza tempo.


7 commenti:

  1. Quante lacrime mi fa fare Richard... adoro la scena finale quando la prende in braccio.
    GRAZIIIIIEE e buone feste.

    Ivonne

    RispondiElimina
  2. Grazie che me lo hai ricordato, questo bellissimo film. se anche sono passati tanti anni ma lo ricordo perfettamente ogni particolare.
    Buona serata cara Tizyana,
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Che film stupendo
    Adoro Richard Gere e in questo film è davvero bellissimo

    ciao Tizyana

    RispondiElimina
  4. Sinceramente, ne apprezzai di più i chiaroscuri della vita sociale in America: insomma, ne vidi la probabile involontaria rappresentazione del rovescio del sogno americano.

    RispondiElimina
  5. Un film romantico. Lo rivedo sempre con piacere.

    Un bacione

    RispondiElimina
  6. E' un film che guarderei con immenso piacere...mi piace questo genere di film. Ciao...

    RispondiElimina
  7. Un classico che rivedo anch'io con piacere.

    RispondiElimina

Guadagna online

beruby.com - Guadagna acquistando online